Crea sito

Archivio per novembre 2013

[Rece] Ebook Reader: Kobo Glo

26 novembre 2013
Kobo_Glo_35435536_04_620x433Ho da pochi giorni acquistato questo ebook reader per il semplice fatto che la compagna non gradiva la luce accesa in camera per le mie letture notturne!!! ;-) Mi trovo veramente bene, è piccolo funzionale veloce e la luce notturna (la cosa che mi interessava di più) non fa stancare minimamente la vista e quindi appesantire la lettura. Ottimo acquisto e consigliato a chi come me non può accendere la luce la notte!!! Per i libri, questo ebook, leggendo quasi tutti i formati, non ha problemi ad aprire anche file pdf e in internet con facili ricerche si trova un pò di tutto!!! VOTO =5/5

Diario di viaggio di un mago ametista (vol.7)

22 novembre 2013
wfrpIl mio viaggio di ritorno per recuperare l'oggetto magico prosegue intanto il resto del gruppo combatte con il gigante che io brillantemente avevo schivato fuggendo. Il combattimento mi viene raccontato successivamente dal cacciatore di vampiri e mi racconta che ha trovato una testa di gigante morto poco distante. Strano che un umano sia così attirato dalla morte tanto da aggirarsi per il campo con una testa di gigante putrida, dovrò controllarlo maggiormente non vorrei che il Caos lo stia infettando. Nella notte raggiungo il gruppo quando hanno una bella gatta da pelare, della strana nebbia sta avvolgendo l'accampamento io ho già capito di cosa si tratta, è la strana creatura che mi ha inseguito fino alle porte di Halgerbach. Mi preparo ad affrontarlo questa volta. la creatura forse perché ha paura dei miei poteri mi appare davanti e io provo a scacciarla, ma niente lei rimane. E' molto forte e riesce a prendere il controllo prima dello Sventratroll, c'era da aspettarselo mente frivola di quel nano è controllabile anche da un gerbillo e poi anche il cacciatore di vampiri, ho la conferma che l'umano è in grave difficoltà. La battaglia è molto dura e io subisco un gravissimo trauma ad un ginocchio provocatomi dallo Sventratroll, ma alla fine riusciamo a sconfiggere la nebbia con un mio intervento finale bandisco per sempre la creatura dal nostro piano. Proseguiamo la marcia gravemente feriti e raggiungiamo la prima città utile dove passiamo 3 settimane a riprenderci. Si riparte, anche perché Durak il nano è impaziente siamo vicini alla sua meta e si vede da come ci fa fretta a preparare le attrezzature. Giungiamo a Khazig Grimaz, antica fortezza nanica. Siamo costretti ad attendere che Durak termini i suoi incontri, la noia attanaglia me e l'altro elfo. Non c'è assolutamente nulla che mi possa interessare in questo luogo dove ci sono solo rocce e pietra e la natura è completamente estranea. Si riparte e scopriamo con rammarico da Durak che dobbiamo passare dall'altra città nanica di Karak Norn. L'entusiasmo sul mio volto e quello dell'altro elfo è abbagliante e decidiamo di seguire i nani in questo viaggio. Giunti nella nuova fortezza seguiamo Durak all'interno fino alla stanza dove si trova una gigantesca incudine nanica. Nella stanza all'interno di una gabbia viene fatto entrare un nano corrotto dal caos in modo irreversibile e i nani iniziano a battere su questa incudine finché il nano non muore.  La potenza dell'oggetto è di gran lunga superiore di qualsiasi oggetto magico abbia incontrato, tanto da bloccare i venti della magia e da impedirmi di lanciare incantesimi, però non capisco tutto questo teatrino per uccidere un nano del caos, credo a questo punto che volessero impressionarmi, e mi dispiace ma non ci sono riusciti. Me ne vado all'esterno della città, non mi sento tanto bene, l'interruzione che ho avuto nei venti della magia mi ha portato un senso di nausea e una spossatezza improvvisa. Alloggio in una locanda alle porte della città e durante la notte il lich al quale ho rubato il grimorio mi appare in sogno, vuole che legga il suo grimorio o che glielo riporti indietro, non mi sento ancora pronto, mi sveglio e continuo a contemplare il soffitto della locanda fino alla mattina.

Diario di viaggio di un mago ametista (vol. 6)

18 novembre 2013
wfrpNuln è già alle nostre spalle, stiamo viaggiando verso sud la destinazione è una famosa città nanica di cui non mi resta in mente il nome. Dopo poco giungiamo a Dotternbach dove finalmente alloggiamo in una locanda con un letto comodo e la possibilità di fare un bagno ristoratore, e cosa ancora migliore i nani hanno deciso di andare ad alloggiare in un'altra locanda e quindi per una notte non avrò il loro russare che mi tiene sveglio. Ci voleva questa giornata ristoratrice e tutti ripartiamo verso sud. Durante la notte ci accampiamo in una radura. Un forte rumore mi sveglia, noto che un uomo ha tramortito l'altro elfo colpendolo con una pietra sulla testa. Quindi immediatamente restando sdraiato a terra lancio un incantesimo che colpisce l'aggressore ma che permette agli altri briganti di localizzarmi, sento lo scoccare di numerose frecce e poi solo dolore. Perdo i sensi per un istante e vedo tutto avvolto di un viola purpureo, finalmente scoprirò il vero segreto di tutto, finalmente raggiungerò il potere assoluto penso, ma poi torno in me e vedo che i miei compagni stanno combattendo, reagisco con tutte le forze che mi sono rimaste in corpo lanciando incantesimi e alla fine abbiamo ragione dei briganti. Faccio fatica ad alzarmi da dove mi trovo le ferite sono numerose e fanno un male cane, questa volta ci sono andato molto vicino penso. Il viaggio prosegue e giungiamo nella città successiva dove girando nel mercato mi addentro all'interno di un bottega magica. Il vecchio che mi accoglie emana una forte aura magica e mi fa sentire subito a mio agio. Mi propone uno scambio, portare un disco magico alla città successiva e in cambio lui mi avrebbe dato un oggetto magico che faceva al caso mio. Accetto, per non gravare sul gruppo decido di partire di notte col mio cavallo "Nitrino" per poi essere raggiunto successivamente dagli altri che viaggiando con il carretto sarebbero andati sicuramente più lenti. La galoppata notturna che sembrava tanto semplice anche per la breve distanza da percorrere si trasforma in breve tempo in un incontro dopo l'altro con nemici che mi vogliono fare la pelle, giganti, orchi su lupi e goblin, e uno strano essere volante e molto potente alla fine riesco per il rotto della cuffia a fiondarmi nella città ma il mio giovane cavallo non regge e viene ucciso. Un prete di Sigmar blocca quell'ombra nera che mi inseguiva e le impedisce di entrare in città. Dopo questa cavalcata acquisto un nuovo palafreno e torno nella città precedente per la mia ricompensa. Intanto il resto del gruppo sta avanzando verso sud, li raggiungerò a breve.

[Pittura] DreadBall – Judwan

14 novembre 2013
Questa volta non è farina del mio sacco, grazie Ba!

DreadBall - Judwan

[Rece] Orfani

11 novembre 2013
orfaniLetto velocemente, ma devo rileggerlo. Bello. Mi ricorda tanto Startship Trooper, ma ricorda anche tante altre cose e mi piace. Merita, compratelo vi prego!!!! E poi aggiungo che il colore in un fumetto Bonelli è sempre una gran figata!!! Bravi Recchioni e Mammucari, hanno capito cosa volevo leggere!!!! ;-) VOTO = 5/5  

Diario di viaggio di un mago ametista (vol. 4 e vol.5)

7 novembre 2013
wfrpLa mutapietra. Materiale creato dal Caos e nel Caos dovrà fare ritorno, è un oggetto troppo potente e solo pochi si possono permettere di maneggiarla. Perchè dico questo? Perché è a causa sua che il nostro gruppo ha incontrato un potente demone e solo per fortuna e un briciolo di astuzia siamo riusciti a portare la pelle a casa. Vi ricordate, eravamo giunti in un villaggio vicino alla catena montuosa nei pressi di Marieburg. Qui una strana ragazza notevolmente mutata ci chiedeva di debellare la loro agonia indagando su cosa li possa avere ridotti in quello stato. Le nostre domande avevano fatto storcere il naso a più di un abitante e solo con un pò di astuzia siamo riusciti a trovare il luogo dove avveniva la blasfemia. Un piccolo gruppo di case e al centro della piazza una statua che inneggiava una delle divinità di caos non poteva che presagire brutte conseguenze. Un gruppo di umani mutati guidati da un pusillanime attorniava la statua e pregava prendendo spunto da un vecchio libro di magia nera. Per fortuna la loro conoscenza della lingua arcana non era all'altezza ma comunque a causa del sacrificio di un uomo un demone è apparso al centro della radura. A questo punto è stato necessario il nostro intervento e con paura siamo riusciti ad avere ragione del Demone. Ho visto i suoi occhi da vicino quando con la sua frusta mi aveva avvolto e mi chiamava a se, qualcosa è cambiato dentro di me, lo sento e ne ho paura. Ho bisogno di capire di più di questo Caos che ci circonda, ho necessità di poterlo controllare per potere tornare a dormire. Nuln. Città del sud dell'impero, non c'ero mai stato e devo dire che gli umani anche se sono un popolo pieno di difetti ci sanno proprio fare con la pietra. Ci aggiriamo per la città rapiti dalle strutture, finché non troviamo un lavoretto interessante. Un uomo ci chiede di controllare delle gallerie sotterranee dove si dice vi siano degli Skaven. Mi illumino, sono proprio curioso di vedere questi topi mitologici dei quali se ne sente parlare in più di una locanda. Ci addentriamo nelle fogne della città e non so cosa sia meglio l'odore dello sventratroll o l'olezzo che ci circonda. Veniamo a contatto con un piccolo gruppo e lo sconfiggiamo facilmente, sono piccoli, hanno la forma di topi giganti però riescono a colloquiare tra di loro, molto interessante. Continuiamo nelle gallerie finché non scopriamo un gruppo di uomini e un elfo che vengono condotti al cospetto di uno sciamano Skaven. Vedo che i venti della magia si aggirano su di lui, ma li vedo grezzi non ben definiti e qualcosa nella sua tasca gli da potere, dovrò cercare di scoprire che cosa sia. Rimaniamo nell'ombra e scopriamo che c'è in atto un complotto per uccidere 5 persone tra cui la contessa elettrice. Decidiamo di avvertire le persone che sono minacciate di morte. La notizia riusciamo a farla arrivare anche alle orecchie della contessa e quindi decidiamo di restare a proteggere un vecchio ubriacone che ha perso il senno a causa del Caos. Non passa un giorno e i sicari arrivano. I primi sette topi non sono difficili da schiacciare, ma l'ultimo l'assassino è molto agile e con armi di strana fattura coperte da un sottile strato di una linfa verdognola, sicuramente veleno. Vedo che i nani sono in seria difficoltà ma alla fine riusciamo a difendere l'uomo  e uccidiamo i nemici. Ci vuole tempo per guarire le ferite delle armi skaven, questo scopro sulla pelle dei miei compagni di viaggio. Ci rechiamo al cospetto della contessa che ci vuole ringraziare personalmente e ci dona oro e cavalli, come se l'oro potesse allungare in eterno la vita, stolti. Ci rechiamo nelle stalle del castello e noto un grifone. Creatura mitologica e molto interessante, l'interesse per il grifone lo prova anche lo Sventratoll che pretende a tutti i costi di farci un giro. Non so in che modo riescano a metterlo sulla sella, ma riesce a decollare. E' interessante come il nano, immolato alla morte, avesse il sorriso di un bambino sul volto quando è stato issato sulla cavalcatura, credo che le mutazioni che ha subito siano più gravi di quello che ci aspettavamo, lo controllerò.

Lucca 2013 – I disa in viaggio

2 novembre 2013
luccaAnche quest'anno Lucca. Il mitico gruppo dei Disa si è recato come ogni anno da un bel pò di tempo a questa parte a Lucca Comics and Games. Quest'anno memori dall'anno scorso, con casino all'interno della fiera e lunga fila per i biglietti ci siamo presentati coi nostri biglietti fatti in via telematica. E, squillo di trombe, siamo partiti ad un orario più che competitivo alle 7.30... Mai visto!!! Comunque la sorte ci è stata un pò contraria con 2 piccoli rallentamenti per strada e quindi un ritardo sulla tabella di marcia di circa mezz'ora. Ma veniamo alla fiera. Come ogni anno lo scopo dei Disa è cercare di giocare almeno a qualche gioco e poi giro veloce per acquisti, quest'anno c'era anche il problema che dovevo rientrare alla base un pò prima del solito. Lucca Games. Giocato a Bang il gioco di dadi, Dixit e Runeage. Bang il gioco di dadi Versione veloce del gioco di carte una partita finisce in 10-15 minuti. Simpatico giochillo da riempiserata. Voto 3/5 Dixit Era da tempo che volevo provarlo, ma mi aspettavo qualcosa di completamente diverso. Simpatico gioco privo di dadi e di fortuna ma con una interessante fase introspettiva. Voto 3/5 Runeage Era partito male il dimostratore quando ha detto avete giocato a Dominio, bene è uguale. A quel punto io devo essere sbiancato perché il dimostratore mi è stato accanto tutta la partita e mi ha aiutato tantissimo. Gioco di Deck building tipo dominion un pò più veloce e con la possibilità di attaccare gli avversari e conquistargli delle città. Voto 4/5 Non abbiamo provato Zombicide, vedendo il prezzo (€ 79) anche se fosse stato il gioco definitivo difficilmente lo avrei comprato, e non abbiamo provato Super Fantasy. Per il secondo titolo mi dispiace li avrei proprio spesi 35 € vedremo se riesco a provarlo a Modena. Voto generale alla fiera 5/5. Quest'anno poco casino, la bella giornata e la nostra strategia per i biglietti è stata vincente! Alla fine un'immagine dei miei acquisti. IMG_20131101_100920