Crea sito

Articoli correlati ‘2^ stagione’

X^ Legio/Fae – 2×04 – Pioggia di fango

7 marzo 2015
xlegioEd eccoci nuovamente qui a riassumere l'ultima puntata al cardiopalma di X^ Legio. Thomas è stato catturato e preso in consegna da personale di Decima Legio Roma dove lo trasporteranno per studiarlo e imprigionarlo presso una struttura attrezzata chiamata "il nulla". Il furgone blindato parte e il gruppo decide di tornare a casa di Thomas per cercare di raccogliere più informazioni possibili. Giunti sul luogo incontrano un rumeno che esce dalla casa di Thomas e spiega di essere lì residente da tempo. L'uomo si allontana per raggiungere il posto di lavoro e il gruppo rimane indeciso se entrare nella casa o meno. Intanto vengono contattatati dall'ufficio che avverte che il veicolo che stava trasportando Thomas ha avuto un incidente in autostrada e che devono andare a controllare cosa sia successo. Sul posto decide di rimanere a controllare la casa Leo Valente, il resto del gruppo si reca di gran carriera in autostrada tra Sasso Marconi e Rioveggio. Il gruppo arriva troppo tardi l'incidente sembrerebbe una simulazione per permettere la fuga di Thomas, quindi si mettono sulle tracce di un mercedes che si è allontanato di gran carriera dal sinistro. Poco più avanti su un cavalcavia autostradale localizzano l'auto e trovano a margine della carreggiata 3 corde legate al guard-rail, probabilmente si sono calati dal ponte. Il gruppo si pone all'inseguimento e riescono ad avere ragione di uno degli avversari uccidendolo, i restanti componenti del commando e Thomas si danno alla fuga. Intanto Leo che è appostato alla casa di Thomas vede tornare il rumeno e dopo che è entrato in casa decide di seguirlo all'interno. quello che scopre lo sconvolge, in una casa completamente vuota di suppellettili e mobili, il rumeno sta trascinando fuori dal portale un armadio. Leo lo trasmortisce ma non pensa che dall'altra parte ci sia un secondo uomo. Ne nasce una colluttazione e solo grazie all'aiuto di un altro componente della decima legio riescono a salvarsi per il rotto della cuffia. Il gruppo si riunisce alla sede per cercare di tirare le somme di tutto quello che è accaduto e quindi decide di andare a prelevare Nana Mama, dato che tutte le strade portano a lei. Giunti nella casa della vecchia non la trovano ma per una serie di sfortunati eventi, rimangono coinvolti in un conflitto a fuoco con le volanti della Polizia e alla fine tutti riescono a scappare, solo Leo Valente viene arrestato dai poliziotti.

X^ Legio/Fae – 2×03 – Fuoco cammina con me

24 febbraio 2015
xlegioIl gruppo viene convocato per indagare su una strana morte sulle colline di Bologna nei pressi del Monastero di San Luca. Il corpo di un giovane ragazzo è stato trovato completamente carbonizzato e stretta nella sua mano è stata trovata anche la mano di una ragazza, quest'ultima però senza alcuna bruciatura. Il gruppo inizia le indagini e oltre ad indagare sulle vite dei due non riesce  a fare molto, tanto che la notte successiva c'è un nuovo omicidio nei pressi di via triumvirato. Quasi tutto viene ripreso da delle telecamere di sicurezza e finalmente hanno un volto. Con un pò di ricerche ottengono anche un nome da legargli. Intanto un componente della squadra, Leo Valente, viene contattata in sogno da una una strana Zingara, tale Nana Mama, che li vorrebbe incontrare. Il gruppo si reca a casa di questa donna che dovrebbe avere qualche potere paranormale, e dopo una veloce chiacchierata ottengono poco, la donna è molto interessata al telecomando che la squadra aveva recuperato alla MDATARISK e che gli aveva permesso di viaggiare tra varie realtà. Intanto il gruppo pedina il sospettato e lo vedono uscire dalla sua casa con una persona completamente coperta da una specie di Burca, che non è possibile capire chi sia. Il gruppo segue l'uomo che si ferma all'interno di una fabbrica abbandonata nella zona industriale di Faenza. La struttura, sebbene non abbia allacci elettrici di acqua o gas, è attrezzata con telecamere all'esterno. Il gruppo , grazie alle speciali abilità di Luca Sodino, riesce a bypassare le sicurezze ed entrare all'interno. Dove trovano una botola che porta ad una stanza sotterranea. Qui dopo uno scontro riescono ad avere ragione di Thomas, ma prima scoprono che anche lui ha strani poteri che gli permettono di controllare il fuoco e il calore. La ragazza che è con lui scoprono che è la giovane Chiara la fidanzata del primo cadavere e che le manca una mano. Rientrano tutti alla base per cercare di capirci qualcosa di più. Intanto Luca Sodino, avverte il capo zona Alberto Palladino, della pericolosità di Nana Mama e quest'ultimo ordina di catturarla per interrogarla.

DungeonSlayer – 2×06 – La sconfitta

8 agosto 2013
ds4cover_lowFINALE DI STAGIONE Abbiamo lasciato il nostro gruppo di avventurieri catturati e alla mercè di un gruppo di uomini leoni capitanati da un potente mago. I nostri eroi non demordono e anche se sanno che a breve saranno condotti in una grande città per essere venduti come schiavi decidono nuovamente di tentare la fuga. Nel primo tentativo riesce a fuggire solamente un mago che si allontana velocemente dalla zona e vestito solo con un paio di mutante si reca alla città per cercare di liberare i suoi compagni quando saranno accompagnati dagli uomini leoni. I due compagni però non hanno abbandonato la speranza e durante il trasporto tentano la fuga e grazie a un paio di tiri fortunati si allontanano dagli uomini leoni che li tenevano imprigionati. Intanto il mago già in città attende i compari che non giungono mai e quindi non sapendo cosa fare cerca un lavoro come apprendista mago in un negozio di un fattucchiere. Gli altri 2 fuggiaschi si recano prima a casa delle donne e perlustrano nuovamente il dungeon raccogliendo qualche arma e qualche pezzo di armatura, poi si recano alla città. Dopo circa una settimana dalla fuga il gruppo si riesce a riunire in città, intanto il mago è riuscito è liberare con uno stratagemma il goblin imprigionato con loro e questi prima di allontanarsi gli dice che gli deve un favore. E siamo giunti alla fine della stagione, il gruppo privo di tutto l'equipaggiamento si trova in una nuova grande città pronta per un nuovo inizio. Avanzate tutti di 1 livello + 700 xp.Alla prossima.

Dungeon Slayer – 2 x05 – la cattura

10 luglio 2013
ds4cover_lowSessione molto intensa e con numerosi scontri fisici. Ma andiamo con ordine. I pg sono alla ricerca del mago dei Leoni che dopo averli attaccati la scorsa puntata si è dato alla macchia con 30 dei suoi. Seguendo le tracce che partono dal villaggio dei Leoni, ci si accorge subito che il gruppo di 30 si è diviso in 3 parti e ha preso 3 direzioni diverse. Il gruppo di pg decide di scegliere le tracce di uno dei gruppo e dopo qualche chilometro giungono in una radura, dove al centro vi è una casa. Controllando l'abitato notano che all'interno ci sono 2 leoni intenti a scrivere su una pergamena. Essendo solo in 2 decidono di attaccarli e dopo poco li sconfiggono. Osservando la pergamena si accorgono che è magica come la penna d'oca usata per scrivere. I pg quindi proseguono alla ricerca degli altri, appena si accorgono che si sono allontanati troppo decidono di tornare indietro. Nella stessa casa che avevano visitato prima trovano nuovamente 2 leoni che stanno anche loro scrivendo su una pergamena, ma questa volta uno dei leoni riesce a giungere alla conclusione della scrittura e viene avvolto da una bolla di energia che lo protegge dai colpi inferti dai Pg. Quindi decidono di tornare indietro al villaggio e appena giunti vedono il mago che a cavallo del suo pegaso sta parlando con altri leoni. I pg vengono accerchiati in fretta da altri Leoni che li attaccano e li catturano. Passano alcune ore di buio completo dato che vengono trasportati incappucciati dai leoni.  Appena rivedeono la luce si accorgono di essere legati e imbavagliati all'interno di una gigantesca grotta. Con loro in catene c'è anche il capo Goblin che gli aveva affidato la missione e le due donne. Intanto che cercano di capire come liberarsi assistono al tentativo di figliare da parte del Mago/leone con le 2 donne. I Pg sfruttano l'allontanamento di un pò di guardie per cercare di liberarsi ma la fortuna non è dalla loro e dopo essere stati nuovamente pestati vengono catturati di nuovo.

Dungeon Slayer – 2×03 / 2×04 – le tracce

6 luglio 2013
ds4cover_low 2x03 I pg decidono di accompagnare le due donne alla loro casa e bonificarla da eventuali Goblin presenti. Durante il viaggio scoprono che le due donne hanno strani poteri, una porta fortuna e l'altra porta sfortuna, se stanno vicine non accade nulla in quanto i loro poteri si debellano. Giunti nella casa delle donne, scoprono una botola sul pavimento che porta a dei tunnel sotterranei. Ispezionano i tunnel e alla fine trovano un Goblin protetto da 6 Troll che si fa chiamare Cranck. Il Goblin spiega ai pg che è disposto a dargli 5500 monete d'oro se uccidono e gli portano la testa dell'uomo leone mago. Oltretutto spiega ai Pg che i Leoni sono un gruppo di circa una quarantina, ma ogni 4 ore un gruppo piccolo di 5-7 elementi si allontana dal villaggio per andare a caccia. Spiega anche che i Leoni hanno accordi commerciali con gli umani del villaggio vicino. 2x04 I pg accettano l'incarico datogli da Cranck e decidono di lasciare l'oro all'interno delle caverne. Tornano al villaggio per poi andare a osservare da più vicino il villaggio dei Leoni. Giunti a poca distanza dal villaggio si appostano per osservare meglio la situazione. Nel villaggio ci sono solo 7 Leoni e 2 case sono diverse dalle altre. Effettuano un primo assalto e in breve tempo riescono ad avere ragione dei 7. Decidono di ispezionare meglio il villaggio e scoprono che una delle 2 case è molto probabilmente del mago, quindi decidono di entrarvi. La casa è protetta da incantesimi, ma con qualche difficoltà riescono lo stesso a entrarvi e scoprono che una scala a chiocciola magica porta in una stanza sotterranea. In questa stanza c'è una enorme libreria e ci sarebbe anche una parete magica che nasconde qualcosa, ma i Pg non riescono ad aprirla e quindi si allontanano. Prima di lasciare il villaggio però decidono di dargli completamente fuoco. Nel tornare verso il villaggio degli Umani vengono attaccati dal mago-Leone che a cavallo del suo Pegaso, li tiene a distanza e quindi gli infligge numerosi danni, per poi allontanarsi. I pg quindi si recano al villaggio umano per cercare qualche uomo disposto a dargli una mano per catturare il pegaso, se il mago è senza cavalcatura è sicuramente più vulnerabile. Trovano 2 cacciatori disposti ad aiutarli però hanno bisogno di circa 15 ore per allestire la trappola, intanto i Pg vanno alla ricerca dei Leoni che si sono allontanati dal villaggio verso nord.

Dungeon Slayer – 2×02 – L’indagine

19 giugno 2013
ds4cover_lowI pg si recano nel bosco a 1 ora di viaggio dalla cittadina per cercare dove si nasconda il villaggio dei leoni. Nel bosco  non trovano tracce del villaggio dei leoni, ma in compenso vengono attaccati da un gruppo di Goblin. Con estrema facilità il gruppo riesce ad avere ragione dei Goblin e liberano 2 donne che erano in mano ai nanetti verdi. Decidono quindi di tornare al villaggio con le due donne che inizialmente raccontano una storia che ha molti punti oscuri, più volte interrogate alla fine si scopre che le donne sono madre e figlia e la madre è una strega con il potere innato di portare fortuna. Intanto che si stanno avvicinando al villaggio il gruppo viene bloccato da un uomo leone a cavallo di un pegaso che richiede per se le donne. Scoppia una piccola scaramuccia che costringe l'uomo leone a scappare. Le donne riescono a convincere i Pg di scortarle fino a casa e liberare la casa dai Goblin che la infestano.

Dungeon Slayer – 2×01 – Rimpatriata tra amici

1 giugno 2013
ds4cover_low Era una fredda serata, erano passati 3 lunghi anni dal loro ultimo incontro, i reduci dell'orfanotrofio, sopravvissuti all'ira della Regina finalmente si ritrovano in una locanda alle porte porte di Travalis. I primi ad arrivare in città sono Dark Shneider, Trud e il nano Eolo ... Giusto il tempo per cenare, raccontarsi il loro passato, che la piacevole riunione di famiglia viene interrotta da un uomo ferito mortalmente, riesce a malapena a solcare la porta di ingresso prima di stramazzare a terra morto. La tranquillità è giunta al termine, e mentre i nostri eroi si guardano intorno sul da farsi, il locandiere, con abile mossa, si dà alla macchia nel boschetto dietro quella isolata locanda di strada, nemmeno il tempo di raccogliere gli indizi, e nel caso di Trud di finire la lauta cena, che dei loschi figuri, metà uomini e metà leoni, fanno il loro ingresso nella taverna. Curiosità e paura si mescolano, la tensione è alta ma la freddezza dei presenti non fa degenerare la situazione, i quattro nuovi arrivi tre guerrieri ed uno stregone sono in caccia, ma non cercano i nostri eroi, diviene presto evidente che, delusi dall'assenza della loro preda, decidono di rifarsi incendiando il luogo, Trud con passo lento e deciso esce dalla porta della locanda, incurante dei due soggetti che ne sorvegliavano il passaggio, alla piccola provocazione non rispondono, fedeli e ligi alla loro missione dopo aver ridotto, con magiche fiamme, ad un cumulo di cenere la locanda, gli strani avventori si allontanano verso l'orizzonte a cavallo, i nostri eroi, rimasti senza alloggio, decidono di partire alla volta del paese vicino, per avere un letto in cui riposare e in attesa di ritrovarsi con i restanti amici di infanzia.   Giungono alla locanda del paese vicino, prendono alloggio, e dopo neanche pochi minuti, riescono a captare una conversazione che li porta a due persone influenti del paese: il locandiere ed il capo delle guardie, forse anche loro sono implicati nella faccenda di pochi istanti prima. Il giovane incantatore allora spiega allo stomaco di Trud che se vuole continuare ad esser pieno dovrà procurarsi del denaro, e con questo comprare del cibo, lo stomaco di Trud, convinto dalle argomentazioni del piccolo Dark, dopo un breve meeting col suo cervello, decidono di seguire il piccolo incantatore che intanto, in maniera furtiva, si era messo sulle tracce del locandiere e del capo delle guardie. I due si stavano trasferendo in posto più tranquillo, per continuare la loro conversazione, e i nostri protagonisti erano seriamente interessati a sentire la seconda parte della conversazione. Dopo averli pedinati sino agli appartamenti del capo delle guardie, furtivamente, li seguono fino alla stanza dove i due stavano, finalmente, mettendo le carte in tavola, valutata la situazione e la leggerezza del loro borsello, i nostri eroi decidono di palesare la loro presenza e fare conoscenza. La disperazione è grande, un grande male affligge il villaggio, i loro strani vicini di casa hanno già fatto 4 vittime, persone comuni che avevano commesso un terribile torto a questa tribù di metà leoni e metà uomini, sarebbe finita lì? Gli avevano davvero raccontato tutto? C'era molto ancora da scoprire, intanto avevano vitto e alloggio pagati, per la gioia dello stomaco di Trud.   Una nuova avventura stava cominciando...